Exciting and Deep Conversation with Cosmic Crisis

On a beautiful, late April afternoon, I had the opportunity to catch up with an old friend, Stefano Marcucci, who has stayed true to his music passion and talent and formed an exceptional musical duo anew with Federica Marani – and Cosmic Crisis was born. The approach taken in this interview is undoubtedly unusual yet journeys through and to what cannot be put easily into words: Federica and Stefano’s Cosmic Crisis duo is a breed of its own – a breathtaking two-way permutation of introspection into music and vice versa, creating an exhilarating and extraordinarily balanced model of music from and for the soul. As Federica and Stefano define it, “Cosmic Crisis is a result; it is an expression of the feelings we experience and events that happen to us. Every time we work on a project, we are at the same time stronger and more fragile, in a cosmic crisis that can float only on the music and push us forward – created to give shape and musical substance to certain gaps of coherence that inevitably derive from making choices.” – This conversation illustrates precisely that. Enjoy the read – surprise at the end.

RECONNECTION TO REBIRTH

JS: Stefano, do you know I still remember your Roland keyboard many moons ago? That said, music is still flowing through your veins, and Cosmic Crisis is the current iteration.

Stefano: Yes, I bought that keyboard to do live shows where the voice was still Federica’s back in the 90s. Since then, I have always written, and I have always had various live performance experiences. Then, approaching the end of the 90s, I met some people with whom I entered the world of electronic production; I initially joined as a musician, and I was doing some appearances as a keyboardist. One thing led to another, and they cast me in more important roles – like creating from scratch and arranging, and I made my creativity available. They gave me carte blanche, and I got into the electronic music circuit, where perhaps I spent too much time. In the end, I was working more on a mouse than on the instrument. In everything you do, you play some part in most things. Still, you spend a lot more time assembling, building, and editing on the computer, up to such a point that I realized that I was missing a female voice and so I once again bothered Federica, and I asked her what she was up to because we had lost contact a little.

Federica: I could not wait for someone to bother me!

Stefano: From there, I felt the lack of an instrument, and I thought about getting back to playing the piano or, in any case, always in digital form, doing covers. Be as it may, we reconnected and decided to do some songs. We did covers – piano and voice, without bases, without anything, then completely rearranged and reinterpreted. A project called “The Smarties” was born, resulting in live shows, clubs, and events.

Federica: A bit Casablanca-style, in short. We did it as an exercise initially. Then it also became a means of support for us at a financial level; also, it had meaning for us to be present and be seen. In addition to the financial support, which is quite funny because we were always broke as musicians, it allowed us to study a lot. When you rely only on piano and voice, you are on the bone, so to speak – both when composing and bringing out your soul: that has to cover a lot. Especially when you are faced with everchanging situations, constantly confronting a diverse audience that wants to be entertained. Instead, you end up annoying them to the nth degree by trying to “read” them and get a feeling for their desires. This work we are doing, whether it is on a cover of a song or something else, is to let wash over you the feeling of that song – so the invitation is to truly listen to us because, for us, it is not like pressing a button and the music starts. We have always set ourselves this way and paid for it because the world is increasingly moving towards “press the button,” yet we have always had positive feedback on our stance. The production side has stopped in the last two years, but we stopped primarily because we needed to lock ourselves up in the studio and let out what we had digested up to that moment.

Stefano: And so, let’s say quite suddenly, between original songs here and there and the covers, we let ourselves go free, and I started doing new things, and Federica started writing. We said to ourselves, “oh, come on, let’s take Cosmic Crisis to countdown.”

Federica: Stefano and I had already collaborated on unreleased songs that we wrote and performed, but they had another weight for us then. They were a piece of our soul, which gave us the creative strength to do the rest. A type of symbiosis between what we put out with the covers and what we created in the meantime inside our hearts. It is a beautiful combination in this world where you have to be what others want for people like us who wish to express themselves individually instead.

ARTISTIC IDENTITY AND CULTURAL DISASSOCIATION

 JS: I see music as an opportunity to express an identity not only by those who make the music, by those who compose or play it but also as a combined effect, so to speak, between the listener and the artist. The word “genre” bothers me, putting a label on anything (I am anti-label by definition). If it is not pop if it is not jazz, if it is not metal, if it is not techno, then what is it? Why do we need to define a musical attitude? Your music is a feeling, a sensation. Which brings me to the question in this context: how strong is artistic identity?

Federica: From the point of view of the genre, none. As you have heard in our songs, we have a wide range; I also write in French. Maybe even the cover period passed us by because each time we reinterpreted feelings, in the end, they were feelings that belonged to someone else with whom someone, in turn, identifies. We are not just artists: the key to art is to let it go through you a bit – but we are also listeners because we have our tastes, and we choose everything we do.

Stefano: But also, stimulus.

Federica: Yes, above all, as a stimulus also because moving on a platform, such as an electronic platform, the fact of having to create this humanity inside an instrument that is progressively more discontinuous is even more stimulating, right? From what we hear, when we physically see someone playing guitar, strings, or a trumpet, we tend to profile that as, for example, simply jazz. There may be someone who still makes this combination that tends to unite. But it is difficult to find this commission, and we move into this limbo with all the limitations imposed on us. At the same time, we are also given the stimulus we receive. All the songs we will or currently compose never come from just having listened to things that enrich what we are doing. Yet, they come from something like this, simply from us, at that moment, and we identify just as a direction to follow while writing and composing. That said, we believe that music just “listened to” is not all that helpful, and it is better this way because, in turn, we feel responsible for creating it ourselves.

JS: Our musical neighbors, in Louisiana, for example, are known for their jazz compositions. The musicians that resonate the most are not known by their names, but they are street-side artists with a lot of talent and do not make music to please; instead, they make music to make people understand.

Federica: Exactly, it is a fulcrum around which, in the end, we should move. Neither Stefano nor I intended to draw any of that other than wanting to create a bit of “culture,” however small our impact or role may be. Here in Italy, there is no such thing. Music is simply entertainment; there is not a part of music, let’s call it “folk” if not that linked to old traditions such as Neapolitan popular music or from every single region of ours, which in any case is part of a tradition that no longer belongs to younger people who are unable to mirror themselves in it – they suffer it if nothing else. My father was linked to music by, say, Pavarotti. However, he also liked many other facets of modern music, Modugno, for example, or De André, who still represented the music of understanding more than listening. Understanding and feeling a beautiful melody that flows through you gives you breath, oxygen that the world does not give you – and it is important. We have always had to go across borders. We managed to write an album during the pandemic and release it through an English label; however, we had to conform a little to a specific target audience they intended to aim for. They were following this path.

ARTISTIC INDEPENDENCE AND SELF-AFFIRMATION

Stefano: We own a label called “Red Sofa Records.”

Federica: Which is based on the red sofa we are sitting on, by the way.

Stefano: Yes. I point it out because, as you have probably heard – most of our music, starting with “A Blues of Mine” (except the album which is the last release), was released by our label, so we have more control; we can get out what we want.

Federica: The music label was created to define a container that at least identifies us as an artistic project, not so much as a label dealing with other artists.

JS: But is it only sometimes like that? Do you not have to compromise when you get to a certain point? You arrive at a crossroads where you have to choose direction: to be authentic to the end by taking the path less traveled, so to speak, or to compromise for financial or entertainment reasons. Conversely, some artists have so much talent, something completely genuine, and they choose a different and, at times, emptying path – akin to throwing themselves in the bin.

Federica: Exactly. It is ridiculous. Eventually, they become grotesque. On the other hand, people focus on the person instead of the art and talent, which should unite the musician and audience. We are always going on about that point, but it is worth reiterating.

JS: Federica, I read in your bio that you have had vast influences: Edith Piaf, and Fever Ray, to mention two. And one wonders how to make a comparison, how to align these artists and you? There is a basis for comparison because there is talk of existential philosophy in both those artists; even if one or two generations apart – the feelings and emotions stay the same.

Federica: Yes, there is a common thread, which goes on to Bjork, and PJ Harvey, who are all characters who do not dish their talent but are served by their talent, which is even better. Because it no longer requires one to be “someone” or mean something at some point, it becomes about needing to pass along a message. And there, you cannot be accommodating because you would invalidate the meaning – it is just not worth it.

JS: You sell out, right?

Federica: You sell out. Exactly.

Stefano: Absolutely.

JS: It is a strong word, indeed. I was reminded of what Edith Piaf muttered on her deathbed. I say this in English and not in French because it is the version I know: “Every damn foolish thing you do in this life, you pay for.”

Federica: Chaque chose stupide que vous faites dans cette vie, vous payez.

JS: If you want to be yourself and do not wish to conform to society’s expectations or desires, you are left standing alone, the price to pay.

Federica: We, in our minimal presence, for example, being a piano-voice duo, could ask, “do we have any idea about the audiences and conditions we will face?” Apart from the fact that everything works as it does in the industry, the people who hire you often have no musical or cultural background and therefore do not know how to deal with the audience they face. There is this notion that you are not “interesting” as an artist or do not conform to what is heard. Therefore, you cannot possibly be able to entertain us because you are different; they left us out cold; you cannot count the times! We were banging our heads, but now it has become a strength that other musicians know – and we all know one another locally – and because we all live the same problems, they respect us. So, from this point of view, we can say that we are proud, though not exactly – we feel we can go with our heads held high. At least we try.

PANDEMIC ISOLATION TO PERFORMANCE CHOICES

JS: Audience. I was thinking yesterday, having a chat with a musician friend, I asked him why do you not start doing live shows again now that the problems related to the pandemic are being resolved in creative ways, or maybe you do not want to do a traditional live show, then a live stream? He replied instantly, “No, for heaven’s sake, never a live stream!” And we talked, as I have spoken with others, about the synergy between the energy you put out and the energy that comes back to you when you do a live show. A live stream is unidirectional, and the power of a live stream audience is not perceived, right?

Stefano: Exactly. You do not feel it.

Federica: You do not talk to people, do not interact with them, and cannot feed off of them.

JS: Which brings me to a question for you: how easy – or more difficult – is it then, when you have an artistic identity of your own, when you play or sing from the soul, from the heart, to propose the message through the music and not the other way around (music through message)? How do you balance message and entertainment when performance is based on these elements?

Federica: I do not know how to answer here because I am the one who proposes herself the most.

Stefano: Federica, you are more “exposed,” so to speak. In general, an individual, be it a man or woman, is the most direct subject.

Federica: It is not only like this. We have obtained a combination of suspense and emotionality with piano and voice, so it is essential. I will give you an example to show my take on this. There have been many evenings we have done in places such as spa lounges, where there is still an audience that listens to you. The difference that I often saw was my attitude and my feeling at that moment – there were times when I arrived, I felt like totally down, and I could not shake it off, and I had a different type of involvement while performing. Other times, without speaking, without saying things to grab attention where I did not want to say anything more than what I sang, maybe a short introduction to say this is what we came up with or just the way I sang – and had an intention, a feeling to pass, things changed radically then. So, in my view, it is essential in situations that are perhaps more intimate when compared to a show where there are a lot of people in front of you – then maybe things change there because you have to do more work on the music itself. Even a musical part creates suspense and anticipation for what you will play and sing because, after that, it is down to your words; you are not doing a cover.

Stefano: I will open a parenthesis here. Sabi, we talked to you about our experiences as “The Smarties,” piano and voice. “Cosmic Crisis,” though still a duo formed by us two, unfortunately, has not had the opportunity for a live performance. As you may have noticed, “A Blues of Mine,” which is in Human Waves, the first EP, was released in 2020 during the pandemic, and therefore there was no possibility of proposing live what we produced and published.

Federica: Very unlucky year. We also stopped for a moment to see where we could have a glimpse to say let’s start from here and then try to broaden the horizon of people because, in the end, everything we write, both as music and as lyrics, is lived in life, there is nothing invented – even if we had to compromise for the English label and we adapted.

Stefano: Yes, it was a commission, so an acceptable formula to complete the request had to be worked out.

Federica: Thanks to the shock of the pandemic, in a way, and all that stuff that came about because of it! As people, we were so compressed that something had to come out in the end.

JS: There is no doubt. Even if some artists have found perhaps more time to devote themselves to the studio, to devote themselves to compositions – maybe it was a forced choice because they did not go live, they did not do shows, they did not interact with other people, and thus they stayed within four walls and composed. Of course, in your case, you have your studio and your label, but many artists still need those possibilities.

Federica: We know many of them, mainly people who do covers, and therefore the need to express their creativity could have been more. But I can say this: we spoke (during an interview at the release of our debut album, Cosmic Crisis) about the fact that we had accumulated so much to say that, fortunately, a lot came out a bit because of it. Before the pandemic, we had already decided to take a path of introspection; then, things shaped the result, let’s say, according to the situation. But in reality, it was already our choice, contrary to what happened to many artists who were perhaps on the verge of emerging and were unable to choose their fate; they failed to do what they wanted. So, from this point of view, it went well for us. The fact that we are here, in this context, allows us to take a breath of fresh air.

THE ESSENCE OF COSMIC CRISIS

JS: Staying on the last statement: how vital is introspection? A strange question, perhaps, but a simple one.

Federica: These are all Cosmic Crisis questions!

Stefano: Cosmic Crisis in itself is introspection. Look, for me, it is worth a lot. It is worth a lot: say, as a whole, a kind of extension towards the instrument with which then, beyond the sound, be it a piano or a synthesized sound or a rhythm, is the only way for me to bring out, to express specific ideas and emotions or perhaps what I think or what I feel whether it comes from personal experience or from what I see, from facts that surround me, various issues, and difficulties that I observe.

Federica: We do not invent or fabricate anything.

Stefano: Everything I live, that my eyes look at, I store everything, and then somehow, I express out, and a lot of that is based on introspection.

Federica: Introspection is also what external things provoke in you. I have been writing since I remember having learned how to write; between poems and songs, I have always written since I was a child. And I also had a period of great insecurity, as can happen in adolescence when you are in your twenties. I lived a lot inside books to find my way through, and then I realized instead that one had to climb one’s steps. And I must say that everything I had read and seen around me, however, I found, as I stepped up, observed it. And, in perspective, it also really means sometimes facing what people do not want to acknowledge themselves and having the courage to say because expressing an opinion means ending up either in endless nonsense or a thousand comments on social networks, for example. It is true that on social media, opinions are canceling one another: 50% utter nonsense, 50% offering constructive points of view – however, this canceling out makes it so that artists fall into holes at times, while in the past, they assumed an almost dominant role in the culture that could lead instead, I do not know, towards peace, for one thing – mentioning it because it is a current theme. Anyway, if you think of people who were part of the musical world of John Lennon, say, and time before and since (there are many artists, but I mention him as an emblem), would they – so to speak – take a bullet? Would they risk it all? Do you think anyone now would or is capable of it? Idealistically speaking. I do not think so. Positions and outlooks have changed.

JS: I think that today’s attitude, especially that of young people (and when I say young, I also include mid-thirties beginning forties) that are put in a situation where they have to decide, is: do I take a step forward to defend or participate in an intelligent debate or run? Rest assured that most of them choose the second option. From my point of view, this is very sad. For example, I find harmony and resonance when listening to your music. I am very introspective. I do not mince words, so if you ask me for an opinion, I give you an honest answer, which usually results in people who look at me crossly (yet they are the ones who asked in the first place?)

Federica: People do not want to hear the truth, let alone inside you.

Stefano: Exactly.

Federica: I am not saying that the inner truth is absolute because nobody has inalienable facts in their hands, so to speak; it is still an opinion, an informed one, perhaps. The debate can generate a song – even our “A Blues of Mine,” which I wrote while scratching the bottom of my barrel: though I may not want to remember it, I am proud to have written it, acknowledging that truth.

JS: But that is how to approach things ideally, right? Whether we write a poem, report a passage, or write two lines, sometimes just taking a pen and running the ink on the page has a cathartic effect- at least, it does for me. People will be asking, what is this stupid thing? What is this blue or black dot on this page? And my response is that you are not genuinely reading; you are focusing on everything else but the actual meaning of what you are reading. So, the disregard that I see today, which can probably be found in many genres of music – pop, rap, and hip hop, to mention a few (though not any of these is exclusively that) – is seen in the only way people seem to be able to let off steam stemming from intolerance to anger, impatience, frustration. Strong emotions are relatable by making angry, superficial songs, regardless of their validity or nuances.

Federica: Absolutely. They are “physical” songs, not songs written with the soul – or at least with a type of soul. In reality, they are clashes; they are not songs – there should be a different word; I always remember “Kamikaze,” a piece by PJ Harvey, where she feels undermined by a guy who buffers her at all levels; that is an expression of an emotion that is bursting – and that is one thing, but it is another thing to ask everyone in front of you to justify your outburst. You have it; you can accept it or not, identify with it, but not make it a reason for living or being social or even less.

JS: There is a “pandering” attitude, giving the masses what they want but without reasoning, without depth, without intelligent discourse.

Federica: Yes, it is about what you want to hear, not what you are being told. After all, it is entertainment; you have to contain it. It would help if one did not make anyone think or let them go out of the ranks – otherwise, it becomes a disaster, uncontrollable; with all this social network mania, everyone would know everything going on down to the last detail. Why, for example, is the press so gagged, especially in recent years? For this reason: social media have this ugly side of the coin, which is that of being able to stifle you while giving you the freedom to spout nonsense.

Stefano: It is undoubtedly a disturbing power, yes.

Federica: It is no longer the fifth power; it is the fourth power but consistently among the top three juggled. And all those who want to color outside the lines for a moment, as you can see, feel stopped up. This is also heard in the United States. Even if you know it and it is much more straightforward, here in Italy, it is different; we are still torn between these parts because people are still tied in a way that is too nostalgic to political notions that do not reflect what is happening today. People are continually divided and are brought even more division. So, I wonder, today’s kids, with such a big gap, not only at the governance level but all over the world and between so many issues, how will they ever choose which path to follow or not to follow? As you said, these characters have this anger to explode as the only propulsive thrust toward the future without really understanding their path.

JS: There is an excessive juxtaposition between the angry song, the outraged song, the song that goes off on who or what is the target of the moment, be it parents, politics, war, peace, climate change, and those songs that make me, for one, press “off” on the radio, YouTube, Spotify, etc., where the message is that we all get along, we are oh so in love, nothing is happening, life is beautiful, let’s have children. So, on opposite sides, what the parents want to do, what their children want to do. And in between – which is the world of an opportunity for change – there is nothing. There is fear; there are frozen emotions. The middle way is the true, individual, expressive one that deals with reason and thoughtfulness; where did it go? With what conscience, without direction?

Federica: Exactly, but you know how it is, even from a musical point of view.  There is a big gap between the most committed musicians. From the 70s onwards, a gaping hole has not been filled – if not maybe in grunge or second-generation punk form. But evidently, there were not enough cultural movements to heal this abyss created in the middle. Now I expect that there is someone who, given the descent in which we are moving more quickly, almost in a hurry, will set a limit, and I hope that it will not be by suggesting or leading extreme social lives; that is my concern. One can say all one wants because life is one and one says, OK, I try to do my best for what I can and when I am there. I have a son, but regardless of this, thinking about the future of the world, I cannot believe so; if you have sensibility and awareness significantly aided by the introspection to which the pandemic has also forced us a little – which I think is a positive thing, you have to question.

Stefano: I am a timid person. I like being alone very much, but I suffer from loneliness. Yet it does not mean I want to do my own thing and not want to be bothered by anyone. I would instead not start watching movies eight hours a day and instead focus on expressing what is within. From this point of view, I am a loner, and this probably costs me some friends – you have to pay something to be yourself, and we always go back there.

JS: Back to music. I can listen to a song once, twice, or three times – depending on the song, it may take only 10 seconds before I press “off” because I do not need to listen to something that I will not like more the second time. On the contrary. Yet there are songs like yours one may listen to once and be left with a sense of curiosity, listening to a second, third, or fourth time and realizing an appreciation that grows not only for the musical process, not just the composition, but the message contained therein.

Federica: This gives us great pleasure.

Stefano: Thanks!

Federica: This is what we hear from fellow artists. We try to draw as much soul as possible. So that is precisely what we are trying to do, and we are delighted to have achieved this from what you tell us. With all the music I imagine you have listened to for decades, you will indeed have an idea; therefore, it has meaning.

COSMIC CRISIS AND THE FUTURE

JS: So where does Cosmic Crisis go from here?

Federica: We are getting started again; we already have some material we are working on, and now we are a bit thwarted by those who have Covid and children with Covid.

JS: The pandemic continues to give generously, huh?

Federica: We are looking for stimuli, so much so that we are looking for shows, things to go and see, and new people to meet. The direction is precisely that of really starting over with all that we have stored in these last months because we are sick of not doing it; we are tired of depending on a situation, i.e., pandemic, because if there is one positive thing about music, it is that it does not make you rely on anything; like writing, like anything about art: the only form of freedom for every person, both for whoever listens and for those who create, is that we are projected towards this situation, with all the additional difficulties that have arisen in the meantime – because being a long time without working implies choices that are a bit like that; we trust that in the end, this will strengthen us, will make us choose the things we are doing more “surgically” – aiming for productions that do not give “a” result but give “that” result, what we want and expect – not the result in general. We were perhaps guilty of being a little more dispersed, spread out.

JS: More focused.

Federica: Yes, more focused, even in the context of the pandemic, confronting a world that has changed so much, in the end, makes you mature, even in what you say, as well as moving forward with age. Everyone wants to forget the last two years as if they never happened – but they have opened new doors.

SURPRISE! JUST SABI EXCLUSIVE

Cosmic Crisis has given me the exclusive teaser of their upcoming new song, “Never Ending Love.” Here is to a new Cosmic Crisis adventure! The following video is what Just Sabi, this blog, strives for – new connections. Spontaneous collaboration between Federica Marani and Stefano Marcucci as composers, Jenny Whitley and Jeremy Grant as videographers, coffee, and me. Thank you for proving that anything is possible, given the desire to make things happen. Enjoy.

Durante un bellissimo pomeriggio di fine aprile, ho avuto l’opportunità di incontrare un vecchio amico, Stefano Marcucci, che è rimasto fedele alla sua passione e al suo talento per la musica e ha formato di nuovo un eccezionale duo musicale con Federica Marani – ed è nato Cosmic Crisis. L’approccio adottato in questa intervista è indubbiamente insolito, ma viaggia attraverso e verso ciò che non può essere facilmente espresso a parole: il duo Cosmic Crisis di Federica e Stefano è una razza a sé stante – una permutazione mozzafiato a doppio senso di circolazione, dall’introspezione alla musica e viceversa, creando un modello esilarante e straordinariamente equilibrato di musica da e per l’anima. Come definito da Federica e Stefano, “Cosmic Crisis è un risultato; è un’espressione dei sentimenti che proviamo e degli eventi che ci accadono. Ogni volta che lavoriamo a un progetto, siamo allo stesso tempo più forti e più fragili, in una crisi cosmica che può galleggiare solo sulla musica e spingerci in avanti – creata per dare forma e sostanza musicale a certi vuoti di coerenza che inevitabilmente derivano dal fare delle scelte”. – Questa conversazione illustra proprio questo.

Stefano, mi ricordo ancora la tua tastiera Roland?

Stefano: Si, avevo comperato quella tastiera per fare dei live dove alla voce c’era Federica. Parliamo degli anni ’90. Da lì ho sempre scritto, ho avuto altre esperienze sempre live. Poi in realtà avvicinandomi alla fine degli anni 90 ho conosciuto delle persone con le quali sono entrato nel mondo della produzione elettronica; sono entrato inizialmente come musicista, facevo degli interventi come tastierista. Da cosa nasce cosa e mi hanno coinvolto in ruoli più importanti – come creare da zero, arrangiare, mettendo a disposizione la mia creatività. Mi hanno lasciato molta carta bianca e sono entrato nel circuito di musica elettronica e sostanzialmente ci sono rimasto tanto tempo – troppo tempo. Alla fine, ero più sul mouse che sullo strumento. Tutto quello che tu realizzi, la maggior parte delle cose che fai, sì suoni delle parti però passi molto più tempo ad assemblare, a costruire, a fare editing al computer. Fino ad un punto tale che mi sono ricordato che mi mancava una voce femminile e quindi ho rotto le scatole di nuovo a Federica e le ho detto non cosa fai perché avevamo perso un po’ il contatto.

Federica: Io non vedevo l’ora che qualcuno mi rompesse le scatole!

Stefano: Da lì ho sentito la mancanza dello strumento e ho pensato a rimettermi a suonare proprio il pianoforte o comunque sempre in forma digitale, facendo cover. Comunque ci siamo risentiti con Federica e abbiamo deciso di fare alcuni brani e sostanzialmente nacque un progetto che si chiamava “The Smarties” che poi ha sfociato nei live, nei locali, eventi, e abbiamo fatto cover – pianoforte e voce, senza basi, senza nulla, quindi completamente riarrangiato noi, tutte reinterpretate.

Federica: Un poco alla Casablanca insomma. L’abbiamo fatto come studio inizialmente, poi è diventato anche un minimo di sostegno per noi a livello economico perché ha significato comunque andare in giro. Diciamo che oltre al sostegno economico che fa abbastanza ridere perché morivamo comunque sempre di fame come musicisti però ci ha permesso di studiare tantissimo – quando sei al pianoforte e voce diciamo sei all’osso. Sia quando componi che quando poi tiri fuori un’anima che deve coprire tanto. Specialmente quando ti poni di fronte a situazioni che sono sempre diverse, un pubblico sempre diverso che vuole essere intrattenuto e invece tu gli rompi le scatole al quadrato, per leggerli; questo lavoro che stiamo facendo, su questo brano cover o meno che sia, è un farti passare il sentimento di quel brano lì – quindi ascoltaci perché non è che schiacci un bottone e parte la canzone. Ci siamo sempre posti in questo modo e l’abbiamo anche pagata, perché chiaramente il mondo che va sempre di più verso lo “schiaccia il bottone”; ma abbiamo sempre avuto riscontro da questo punto di vista. Negli ultimi due anni si è un po’ fermata la cosa ma anche noi ci siamo fermati perché avevamo bisogno di rientrare a fare i topi a studio e fare delle cose che fossero un ributtare fuori quello che avevamo digerito fino a quel momento.

Stefano: E così diciamo abbastanza all’improvviso, tra brani qua e là, le cover, ci siamo lasciati andare ed io ho iniziato a fare delle cose nuove e Federica ha cominciato a scrivere. E abbiamo detto ma dai via, partiamo con Cosmic Crisis.

Federica: In realtà avevamo già fatto collaborazioni su brani inediti che scrivevamo e facevamo noi, ma avevano un altro peso per noi in quel momento. Erano un po’ l’anima, quello che ci dava la forza creativa per fare anche il resto. Diciamo una specie di simbiosi tra quello che buttavi fuori con le cover e quello che creavi nel frattempo dentro. Alla fine secondo noi è un bel connubio, in questo mondo che c’è adesso in cui devi essere quello che gli altri vogliono, per gente come noi che invece vuole esprimersi individualmente.

IDENTITÀ ARTISTICA E DISASSOCIAZIONE CULTURALE

JS: È una specie di catering in certo senso. Purtroppo, sì, hai ragione. Io vedo la musica come un’opportunità di espressione di un’identità non soltanto da parte di chi fa la musica, da chi compone o da chi suona, ma anche una sinergia se vuoi, fra l’ascoltatore e l’artista. A me dà fastidio la parola “genere”, mettere un’etichetta su qualsiasi cosa (e io sono sicuramente anti-etichetta per eccezione). Se non è pop, se non è jazz, se non è metal, se non è techno, allora che cos’è? Perché dobbiamo definire un sentimento musicale? La vostra musica è un sentimento. Il che mi porta alla domanda in questo contesto: l’identità artistica quanto è importante?

Federica: Dal punto di vista del genere, nessuna. Come avrai sentito nei nostri brani, noi spazziamo, io scrivo anche in francese. Diciamo che forse ce l’ha passato anche il discorso cover perché ogni volta reinterpretavamo dei sentimenti alla fine che erano di altri con i quali ti identifichi. Noi non siamo soltanto artisti; la chiave dell’arte è farsela passare attraverso un po’, ma siamo anche ascoltatori perché comunque abbiamo gusti, scegliamo tutto quello che facciamo.

Stefano: Ma anche per stimolo.

Federica: Sì, soprattutto per stimolo anche perché muovendoci su una piattaforma diciamo elettronica, è anche più stimolante il fatto di dover creare questa umanità dentro uno strumento che è sempre più invece discontinuo no? Magari da quello che puoi sentire mentre vedi fisicamente uno che suona una chitarra, degli archi, una tromba e quello che sta sempre più profilando come semplicemente jazz. Forse c’è qualcuno che ancora fa questo tipo di connubio che tende ad unire. Però è difficile trovarla questa commissione e noi ci muoviamo in questo limbo con tutte le limitazioni che questo ci dà ma contemporaneamente lo stimolo che ne riceviamo. Tutti i brani che ci accingiamo sempre a comporre non arrivano mai da ascolti fatti che magari sono cose che ci servono per arricchire quello che stiamo facendo ma arrivano semplicemente da cose che escono così, semplicemente da noi, in quel momento e che individuiamo proprio come un indirizzo da seguire mentre scriviamo e mentre componiamo. Ultimamente diciamo che la musica non ci dia poi tutto questo aiuto ed è meglio così perché ci sentiamo responsabili invece di crearla.

JS: I nostri vicini musicali, in Louisiana, per esempio, sono noti per le loro composizioni jazz. Tuttavia, quelli che risuonano di più non sono noti per sé, ma sono musicisti sul lato della strada che hanno tantissimo talento sicuramente, ma che non fanno musica per far piacere ma fanno musica per far capire.

Federica: Esatto, è un fulcro intorno al quale alla fine poi ci si dovrebbe muovere. Né io né Stefano ci accalappiamo niente di che, però è fare cultura, anche nel piccolo che possiamo rappresentare, ma è una forma di cultura che non si vuole capire qui, per esempio, in Italia. Qui in Italia non c’è questa cosa. La musica è semplicemente intrattenimento, non c’è una parte di musica chiamiamola “folk” se non quella legata a vecchie tradizioni, come può la musica popolare napoletana o di ogni singola regione nostra che comunque fa parte di una tradizione che non appartiene più ai giovani nella quale non sanno nemmeno specchiarsi – la subiscono, se non altro. Mio padre era legato ad una musica di un Pavarotti per dire, però aveva anche tante altre sfaccettature della musica moderna, Modugno per esempio o De Andre’ che rappresentavano comunque una musica del capire di più rispetto a quella dell’ascoltare. Capire e sentire una cosa bella che ti fluisce, che ti dà respiro, ossigeno che il mondo non ti dà – ed è una cosa importante. Bene no, non c’è verso qui in Italia. Ci siamo sempre dovuti rivolgere all’esterno, e siamo riusciti a scrivere un album durante la pandemia ma anche con l’etichetta inglese con la quale siamo usciti comunque ci siamo dovuti uniformare un pochino ad un determinato target di cui loro avevano necessità. Loro stavano facendo questo percorso e quindi alcuni dei brani che abbiamo affidato alla loro etichetta ci dispiace di non averli potuti pubblicare noi, singolarmente.

INDIPENDENZA ARTISTICA E AUTOAFFERMAZIONE

Stefano: Noi abbiamo anche un’etichetta che si chiama Red Sofa Records.

Federica: Che è basata sul sofà rosso che vedi qui!

Stefano: Sì. Specifico questa cosa perché in realtà tutte le pubblicazioni che tu probabilmente avrai sentito – la maggior parte, dalla prima dove c’è “A Blues of Mine” e tutto quello che c’è, tranne l’album che è l’ultima release, tutto il resto è stato pubblicato dalla nostra etichetta per cui abbiamo, diciamo, più controllo, possiamo fare uscire quello che vogliamo.

Federica: Diciamo per dargli un contenitore che perlomeno ci identificasse come progetto artistico non tanto come etichetta che sta producendo anche altri artisti.

JS: Ma non è sempre così dove si arriva ad un certo punto e si fa un compromesso? Si arriva ad un incrocio dove si deve scegliere direzione: essere autentici fino in fondo prendendo la strada meno battuta, per così dire, oppure arrivi a fare un compromesso per motivi finanziari, di successo. E lì artisti che hanno tanto talento, tanta opportunità, qualcosa di completamente autentico, veramente bello, scelgono la strada diversa – o apri cestino, butta nel cestino, chiudi il cestino?

Federica: Esatto. È ridicolo. Alla fine, diventi grottesco. La gente si divide su di te invece l’arte, il talento, dovrebbe unire – in generale.  Siamo sempre su quel punto ma secondo me vale la pena batterlo.

JS: Federica ho letto nella tua biografia che hai avuto influenze vaste Edith Piaf, Fever Ray per menzionare due. E ci si chiede come fare un paragone, come allinearli questi artisti? Secondo me c’è un paragone perché si parla di filosofia esistenziale in tutte e due anche se ci sono una o due generazioni di differenza – i sentimenti e le emozioni sono sempre le stesse.

Federica: Sì c’è un filo conduttore, che arriva a Bjork, PJ Harvey che sono tutti personaggi che non servono il loro talento ma si fanno servire dal loro talento che è una cosa ancora migliore. Perché ad un certo punto tu non hai più la necessità di essere qualcosa ma hai la necessità di passare quel messaggio lì. E lì non si può essere transigenti perché invalideresti il senso – non vale proprio la candela.

JS: Ti svendi, no?

Federica: Ti svendi. Esatto.

Stefano: Brava.

JS: È una parola forte, certamente. Mi è venuto in mente quello che Edith Piaf aveva detto sul punto di morte. Lo dico in inglese perché è la versione che conosco: “Every damn foolish thing you do in this life, you pay for.”

Federica: Chaque chose stupide que vous faites dans cette vie, vous payez.

JS: Però è vero se ci pensiamo un attimo. Se vuoi essere te stesso fino in fondo, e ovviamente non ti conformi a quelle che sono le aspettative o i desideri della società, allora rimani da solo – il prezzo da pagare.

Federica: Noi nel nostro piccolissimo, per esempio, essendo un duo pianoforte-voce uno potrebbe dire ma sai le situazioni che ti saranno capitate. A parte il discorso che qui funziona tutto per inciucco, non c’è la cultura musicale da parte delle persone che ti ingaggiano perché non sanno cosa stanno affrontando. C’è proprio questa cosa che non è interessante, non sei conforme a quella cosa che si sente in giro, quindi non puoi intrattenere, quindi ci hanno lasciato a piedi, ma sai le volte! Ci sbattevamo proprio il naso, adesso invece però è diventato un punto di forza che anche gli altri musicisti – che poi qui a Perugia ci si conosce tutti – sanno, e perché tutti viviamo le stesse problematiche, ci rispettano. Quindi da questo punto di vista siamo come dire non orgogliosi però andiamo a testa alta. Almeno ci proviamo.

DALL’ISOLAMENTO PANDEMICO ALLE SCELTE DI PERFORMANCE

JS: Audience. Stavo giusto pensando ieri, facendo una chiacchierata a parte con un amico musicista, gli ho chiesto perché non ricominci a fare i concerti live adesso che i problemi relativi alla pandemia si stanno risolvendo in modi creativi o magari se non vuoi fare un concerto live tradizionale, allora un live stream. Perché lo dico? Lui mi ha risposto istantaneamente “no, per carità, un live stream mai!” E abbiamo parlato, come ho parlato con altri ancora, della sinergia fra l’energia che metti fuori e l’energia che ti torna indietro quando fai un concerto live. Un live stream è unidirezionale e quell’energia dell’audience non viene percepita, giusto?

Stefano: Esatto. Non la senti.

Federica: Non parli con la gente.

JS: Che mi porta alla domanda per voi: quanto è facile – o più difficile – allora, quando si ha un’identità propria, quando hai una identità artistica tua, individuale, quando tu suoni o canti dall’anima, dal cuore, proponendo il messaggio attraverso la musica e non il contrario (la musica attraverso il messaggio), quando una performance è basata proprio su questi elementi, quanto conta il pubblico?

Federica: Io non so come rispondere qui perché io sono quella che si propone di più.

Stefano: Lei è più “esposta”, diciamo. In generale chi un singolo colui o colei, un frontman o frontwoman è più direttamente il soggetto.

Federica: Non è solo così, noi con il pianoforte e la voce soprattutto abbiamo ottenuto un connubio di suspense, di emotività, quindi è importantissimo. Ti faccio un esempio per passarti la mia idea su questo. Ci sono state tante serate che noi abbiamo fatto in luoghi come salotti di spa, in situazioni dove c’è comunque un pubblico che ti ascolta. La differenza che io ho visto spesso era il mio atteggiamento e il mio sentirmi in quel momento – ci sono state delle volte quando sono arrivata che mi sentivo, come dire, sotto un treno, e non riuscivo a tirarmi su e avevo un determinato coinvolgimento. Altre, senza parlare, senza dire cose per accaparrarsi l’attenzione dove non ho volute dire niente di più di quello che cantavo, forse una breve introduzione per dire questo è cosa abbiamo tirato fuori in cui anche soltanto il modo in cui io cantavo ed avevo un’intenzione, un sentimento da passare, le cose allora cambiavano radicalmente. Quindi, per il mio modo di vedere, è importantissimo in situazioni che magari sono sì più intime, diciamo, rispetto ad un concerto dove tu hai di fronte tante persone – allora forse lì le cose cambiano perché devi fare un lavoro in più sulla musica proprio, singolarmente, anche una parte musicale crea la suspense per quello che tu starai per dire perché dopo lì sono parole tue, non stai facendo una cover.

Stefano: Apro una parentesi, scusa. Noi in realtà Sabi, ti stiamo parlando delle esperienze avute come “The Smarties”, pianoforte e voce, anche perché Cosmic Crisis, per quanto siamo sempre io e lei, purtroppo non ha avuto sfocio live, in quanto, come avrai forse notato, “A Blues of Mine” che è in “Human Waves”, che è il primo EP, è uscito nel 2020, anno della pandemia, e quindi non c’è stata nemmeno la possibilità di proporre live quello che abbiamo prodotto e pubblicato.

Federica: Anno sfigatissimo. Noi ci siamo anche fermati un attimo per vedere dove potevamo avere uno spiraglio per dire partiamo da qui e poi cerchiamo di allargare l’orizzonte di gente perché alla fine tutto quello che noi scriviamo, sia come musica che come testi, sono proprio vissuti di vita, non c’è niente di inventato – anche se poi per l’etichetta inglese l’abbiamo fatto e ci siamo dovuti adeguare.

Stefano: Sì, era una commissione, per cui qualche modo devi trovare, una formula per portare a termine la richiesta.

Federica: Per fortuna per lo sbattimento della pandemia e di tutta quella roba che è uscita! Sei talmente compresso che alla fine qualcosa esce.

JS: Non c’è dubbio. Anche se poi in realtà alcuni artisti hanno trovato forse più tempo per dedicarsi in studio, dedicarsi alle composizioni – anche se magari diciamo è stata una scelta forzata, perché non vai fuori, non fai concerti, non interagisci con altre persone e allora stai entro quattro mura e componi. Certo, nel caso vostro avete il vostro studio, la vostra etichetta però ci sono tanti artisti che non hanno quelle possibilità.

Federica: Ne conosciamo tanti, prevalentemente gente che fa cover e quindi magari il bisogno di esprimere la propria creatività è magari molto meno. Questo però lo posso dire, infatti già in un’altra intervista che ci hanno fatto proprio per questa etichetta inglese, abbiamo detto appunto che noi avevamo accumulato talmente tanto da dire che, per fortuna, alcuni dei brani che diciamo non abbiamo dovuto fare, che sono anche un po’ quelli dei quali ci siamo non dico pentiti – ma ci dispiace che siano in altre mani e quindi non possiamo gestire come magari vorremmo – lì è uscito un po’ quello che avevamo accumulato. Noi prima della pandemia avevamo già deciso di prendere una strada di introspezione poi le cose hanno modellato il risultato, diciamo, secondo la situazione. Però in realtà era stata una scelta già nostra, contrariamente a quello che è accaduto a molti artisti che magari erano sul punto di emergere e non sono riusciti a farla propria la scelta, non sono riusciti a fare quello che volevano. Quindi da questo punto di vista non ci è andata malissimo – la pandemia poi è andata malissimo a tutti. Però anzi, già il fatto che siamo qui, per dire, in questo contesto, una boccata d’ossigeno ce la prendiamo.

L’ESSENZA DI COSMIC CRISIS

JS: Sarà anche il caso! Domanda: L’introspezione quanto è importante? Una domanda strana ma fatta in maniera semplice per un motivo.

Federica: Queste sono proprio domande da Cosmic Crisis!

Stefano: Cosmic Crisis già di per sé – è introspezione. Guarda per me vale tantissimo. Vale tanto, diciamo come un tutt’uno, una specie di prolunga verso lo strumento con il quale poi, aldilà del suono, che può essere di pianoforte o un suono sintetizzato o una ritmica, è l’unico modo per me in cui riesco a portare fuori, ad esprimere certi concetti o magari quello che penso o quello che sto provando semplicemente. Sia che venga da esperienze personali ma anche da quello che io vedo, dai fatti che insomma mi circondano quindi problematiche varie, cose vissute, difficoltà che vedo.

Federica: Non ci inventiamo niente.

Stefano: Tutto quello che vivo, che i miei occhi guardano, immagazzino tutto e poi in qualche modo butto fuori e molto fa parte dell’introspezione.

Federica: Introspezione forse anche vista proprio come quello che le cose esterne provocano in te. Io, personalmente, scrivo da quando mi ricordo di aver cominciate a scrivere, fra poesie e canzoni, io scrivo da sempre, da quando ero bambina. E ho avuto anche un periodo di molta insicurezza come può capitare nell’adolescenza, quando hai vent’anni; ho vissuto tantissimo anche dentro i libri per trovare delle volte una strada e poi ho capito invece che uno doveva salire i propri gradini. E devo dire che tutto quello che avevo letto e visto intorno a me, comunque, me lo ritrovavo mentre salivo, lo osservavo mentre salivo. E, in prospettiva, per me significa veramente anche delle volte confrontare quello che la gente di sé non vuole confrontare con sé stessa e avere anche il coraggio di dirla una cosa perché adesso dove esprimere un’opinione significa andare a finire in pasto a mille stupidaggini o mille commenti sui social, per esempio, che non hanno per la maggior parte nessun senso. È vero che nei social le opinioni si annientano da sole: il 50% dice una cavolata e l’altro 50% dice una cosa costruttiva – però proprio questo annullamento fa sì che gli artisti delle volte ora caschino in delle buche mentre in passato assumevano un ruolo diciamo quasi dominante nella cultura che potevano portare, non so, verso la pace, per dirne una – perché è un tema attuale. Ma comunque se tu pensi a gente che faceva parte del mondo musicale da John Lennon e indietro e in avanti (ce ne sono tanti ma dico lui come emblema), gente che è arrivata a farsi uccidere per certe cose. Tu credi che adesso ci sia un qualcuno che lo farebbe?

JS: Io penso che l’attitudine di oggi, specialmente dei giovani (e quando dico giovani includo anche metà 30 inizio 40) se li metti in una situazione dove loro devono decidere: allora faccio un passo avanti per difendere o semplicemente partecipo in un dibattito intelligente oppure scappo a gambe levate, sta tranquilla che la maggior parte di loro sceglie la seconda opzione. Dal mio punto di vista questo è molto triste. Io quando ascolto la vostra musica, trovo una sintonia ed un riscontro. Io sono una persona molto introspettiva, molto autentica, molto onesta, io non sono di mezze parole; quindi, se mi chiedi un’opinione io ti do un’opinione sincera, il che la maggior parte delle volte risulta nelle persone che mi guardano malissimo (eppure sono loro ad avere chiesto l’opinione?).

Federica: Esatto, non la vuole sentire la gente la verità che hai dentro di te.

Stefano: Esatto.

Federica: Non dico che sia assoluta, perché nessuno ha la verità nelle mani, per dire, è un’opinione. Il dibattito che può generare un brano – anche la stessa “A Blues of Mine” io l’ho scritta in una situazione dove proprio stavo grattando il fondo del barile di me stessa e questa cosa, nonostante che io non me la voglia ricordare, però sono fiera di averla scritta.

JS: Ma è così che vanno affrontate le cose idealmente, giusto? Che scriviamo una poesia, che scriviamo un brano o che scriviamo due versi o che, semplicemente per me qualche volta giusto prendere una penna e fare scorrere l’inchiostro sulla pagina ha un effetto catartico in un certo senso. Poi vedi della gente che dice ma cos’è questa stupidaggine, che è questo pallino blu o nero che sia su questa pagina? E io rispondo: sei tu che stai guardando la pagina, non sono io che te l’ho chiesto di guardarla. Allora la mancanza di rispetto che vedo oggi, e che probabilmente riscontro nella musica – qui vedi rap, hip hop ma non solo – noto che l’unico modo per la gente di sfogarsi dalla rabbia, dall’intolleranza è scrivere queste canzoni così arrabbiate che però sono talmente superficiali perché prendi per esempio tre emozioni: sono incavolato, non trovo il coraggio di fare niente, e il papà e la mamma mi devono pagare l’affitto – ed esce la canzone. E l’ascoltatore ci si riflette e grida anch’io, anch’io – bravo, sei proprio parte della stessa superficialità!

Federica: Assolutamente. Ma sono canzoni “fisiche”, non sono brani scritti con l’anima – o perlomeno con un tipo di anima. In realtà sono scontri, non sono brani – è giusto che ci sia anche questo tipo, io mi ricordo sempre di “Kamikaze” un brano di PJ Harvey, dove lei si sente minata da un tizio che la tampina a livelli; quella un’espressione di un’emozione che sta scoppiando – un conto è quello, ma un conto è chiedere a tutti quelli che sono di fronte a te di giustificare quel tuo sbrocco. Ce l’hai, si può accettare o meno, ci si può identificare o meno ma non farne una ragione di vita o sociale o anche meno.

JS: Non mi viene in italiano e mi scuso, ma c’è un’attitudine di “pandering”, dare alle masse quello che vogliono.

Federica: Sì, sì, quello che si vogliono sentire, ma ripeto è un intrattenimento, li devi contenere, non li devi far riflettere o fare uscire dai ranghi – altrimenti diventa un disastro, con tutto questo social che c’è tutti saprebbero tutto esattamente come è. Perché per esempio la stampa è così imbavagliata, specialmente negli ultimi anni? Proprio per questo motivo, perché i social hanno questo bruttissimo risvolto della medaglia che è appunto quello di riuscire anche ad imbavagliarti.

Stefano: È un brutto potere, sì.

Federica: Non è più il quinto potere, è il quarto potere ma è veramente sempre tra i primi tre che si giostrano. E tutti quelli che vogliono uscire un attimo fuori, come vedi, si sentono fermati. Penso che anche negli Stati Uniti questa cosa si senta. Anche se si sa ed è molto più chiara. Invece qui in Italia è diverso, ancora si sta giocando fra queste parti perché la gente è legata in una maniera ancora troppo nostalgica a delle nozioni politiche che non riflettono assolutamente quello che sta realmente accadendo. La gente è continuamente divisa e viene portata ancora di più alla divisione. Io allora mi domando: i ragazzi, con un gap così grande, non solo a livello di governance ma in tutto il mondo, come faranno mai a scegliere quello da seguire o non seguire. Come dicevi tu, hanno questi personaggi che hanno questa rabbia da fare esplodere come unica spinta propulsiva verso l’avanti della vita senza capire bene che diavolo di direzione hanno preso.

JS: Per me c’è una giustapposizione fra la canzone incavolata, la canzone arrabbiata, la canzone che va addosso a chi o cosa è il bersaglio del momento, che siano i genitori, la politica, la guerra, la pace, il cambiamento del clima, e – dall’altra parte – quelle canzoni che mi fanno premere “off” sulla radio, YouTube, Spotify o che, in questa giustapposizione estrema, ci vogliamo tutti bene, sono innamorato, non succede niente, la vita è bella, facciamo i figli. Come facciamo i figli? Stai scherzando? Con quale coscienza senza direzione? Quindi da un lato quello che vuole eliminare i genitori, dall’altro quello che vuole fare i figli. E in mezzo – che è il mondo di un’opportunità di cambiamento – non c’è nulla. C’è paura, ci sono emozioni ghiacciate. La via di mezzo, quella autentica, vera, individuale, realmente espressiva, dov’è andata a finire?

Federica: Esatto, infatti; però sai com’è, anche dal punto di vista proprio musicale, secondo me, c’è un divario grosso dopo i musicisti più impegnati, diciamo degli anni ’70 in poi, c’è stato questo buco che è stato sanato pochissimo – forse dal grunge o dal punk di seconda generazione dove, comunque, ci si sbatteva su problemi quotidiani ma anche esistenziali. Però non sono stati dei movimenti culturali sufficienti evidentemente a sanare questa buca che si è creata in mezzo. Io adesso veramente mi aspetto che ci sia un qualcuno che, vista la discesa nella quale ci stiamo sempre più muovendo, velocemente, quasi di corsa, ponga un limite e mi auguro che non sia, diciamo, in via di vita sociale estrema; quella è la mia preoccupazione. Alla fine, uno può dire tutto quello che vuole, perché la vita è una e uno dice OK, cerco di fare del mio meglio per quello che posso e quando ci sono. Personalmente io ho un figlio, ma indipendentemente da questo, pensando al futuro del mondo io non ce la faccio a pensare così; se hai una sensibilità, soprattutto aiutata dall’introspezione alla quale ci ha anche un po’ costretto la pandemia – che io ritengo una cosa positiva.

Stefano: Io sono una persona estremamente timida e non so se questa cosa te la ricordi o comunque se hai mai avuto modo di capirlo, però sono così. Mi piace stare moltissimo da solo ma soffro di solitudine. Quindi non significa che ti vuoi fare gli affari tuoi e non vuoi essere rotto da nessuno. Significa solo che spesso voglio stare da solo per esprimere – tornando al mondo musicale – perché non mi metto a guardare film otto ore al giorno poi. Da questo punto di vista sono una persona solitaria e questo mi è costato probabilmente qualche amicizia – si deve pagare qualcosa per essere sé stessi, torniamo sempre là.

JS: Tornando alla musica. Io posso ascoltare un brano una, due, tre volte – dipendendo dal brano mi bastano solo 10 secondi prima che premo “off” perché non ho bisogno di riascoltare qualcosa che sicuramente non mi piacerà di più la seconda volta. No, anzi. Pero’ ci sono dei brani come i vostri che ascoltati una volta dici ok e cominci a pensare, poi ascolti la seconda, terza, quarta volta e cominci ad apprezzare il processo non soltanto musicale, non soltanto di composizione, ma il messaggio contenuto.

Stefano: Grazie!

Federica: Questo è quanto noi ascoltiamo dagli artisti dai quali cerchiamo di trarre il più possibile anima. Quindi è esattamente quello che cerchiamo di fare e siamo veramente felici di aver raggiunto questo risultato da quello che ci dici. Con tutta la musica che immagino ti sei ascoltata, sicuramente ti sarai fatta un’idea e quindi sentir questo ci fa molto piacere.

COSMIC CRISIS E IL FUTURO

JS: E quindi da qui dove si va con Cosmic Crisis?

Federica: Noi ci stiamo rimettendo in moto, abbiamo già del materiale sul quale stiamo lavorando e adesso ci siamo un po’ interrotti ma fra chi ha il Covid e chi ha il figlio con il Covid.

JS: La pandemia continua a dare generosamente, eh?

Federica: Guarda, adesso stiamo cercando stimoli, tant’è che cerchiamo concerti, cose da andare a vedere, e persone nuove da conoscere. La direzione è proprio quella di ricominciare veramente con tutto quello che abbiamo immagazzinato in questi ultimi mesi perché non ne possiamo più di non farlo; siamo stanchi di dipendere da una situazione perché se c’è una cosa positiva della musica è che non ti fa dipendere da niente, come lo scrivere, come qualsiasi cosa d’arte: l’unica forma diciamo di libertà per ogni uomo, sia per chi ascolta, sia per chi crea, siamo proiettati proprio verso questa situazione, con tutte le difficoltà in più che si sono nel frattempo create – perché chiaramente stare tanto tempo senza lavorare ti implica delle scelte un po’ così; confidiamo nel fatto che alla fine questo ci fortificherà, ci farà scegliere in maniera un po’ più chirurgica le cose che stiamo facendo. Puntare a situazioni non che diano un risultato, ma che diano “quel” risultato, quello che ci aspettiamo – non un risultato in generale, prima eravamo magari un po’ più dispersi, un pochino più spread.

JS: Quindi è una cosa più focalizzata.

Federica: Sì, più focalizzata, anche nel contesto della pandemia, il confrontarsi con un mondo che è cambiato così tanto alla fine ti fa maturare, anche in quello che dici, oltre che vai avanti anche con l’età anche se durante la pandemia tutti si vogliono dimenticare i due anni come se non ci fossero stati.

SORPRESA! ESCLUSIVA PER JUST SABI

Cosmic Crisis mi ha dato un teaser esclusivo della loro nuova canzone in arrivo, “Never Ending Love”. Ecco una nuova avventura di Cosmic Crisis! Il seguente video è ciò per cui Just Sabi, questo blog, si impegna: nuove connessioni. Collaborazione spontanea tra Federica Marani e Stefano Marcucci come compositori, Jenny Whitley e Jeremy Grant come videographers, caffè e me. Grazie per aver dimostrato che tutto è possibile, data la voglia di far accadere le cose. Godetevelo!

7 thoughts on “Exciting and Deep Conversation with Cosmic Crisis

  1. Sabi, you have a knack for having meaningful interviews/conversations with people. This comment maybe is a little longer than those I leave on other blogs. Music is more than notes on a sheet or hands on an instrument. It’s emotions, thoughts, and feelings. I taught music for three decades, instilling in my students the notion that music is nothing without meaning. I’ve shared the link to your blog with many of my students because these musical conversations have merit! Congratulations to Cosmic Crisis for their approach to music and having such a candid sit-down. Thank you. Mariah

  2. Connections yeah? Where do you find these incredible people? Thank you for sharing! Added to playlist.
    Alicia NY, NY

  3. Ma che bravi che siete! Vi ho visto a Perugia qualche anno fa. Che differenza! Figata 🙂

  4. Fantastic music! And her voice is a dream!!! I had Breakfast in Paradise on my Spotify playlist already. More, please!
    James

  5. Federica’s voice is sublime, deliriously so. I want to hear more!!

Comments are closed.